Novità sul “bonus libri”

Vi avevamo dato notizia tempo fa del “bonus libri”. Con una capriola molto più ampia dell’aggiunta di una sola vocale, il bonus è diventato “bonus librai”, i quali, ma SOLO quelli convenzionati, faranno uno sconto del 19%, ma SOLO agli studenti che presenteranno alla cassa l’apposito buono rilasciato dalla scuola, che potrà rilasciarlo SOLO a chi ha un ISEE inferiore ai 25mila euro.
Vi state chiedendo come è stato possibile? Ma è stato facilissimo!
E’ bastato sostituire il termine «persone fisiche e giuridiche» con «esercizi commerciali che effettuano la vendita di libri al dettaglio» e qualche piccolo ritocco qua e là.
E gli e-book? Certo che li potete comprare con il bonus. Dove? Ma è ovvio, dai librai!! La scelta più logica e coerente con la tecnologia degli ebook.
Fatta la necessaria precisazione che non abbiamo nulla contro i librai, dei quali anzi ammiriamo la costanza nel rimanere aperti e la competenza con cui ci aiutano a scegliere, la considerazione spontanea è che le iniziative partono con buone intenzioni (far leggere di più le famiglie e specialmente i giovani), ma si spiaggiano sulla realizzazione.
L’ennesima occasione persa dalla politica per far capire che è al servizio di TUTTI i cittadini.

bonus libri